In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Racconti dal regime: I pochi, i fieri, gli strambi

Di Murray Luther **, corrispondente non ufficiale dalla Chiesa di Scientology

Tratto da truthaboutscientology.com, traduzione di © Martini, primavera 2004.

 
Sta a voi giudicarla una buona o cattiva notizia, ma potete scommetterci che la Chiesa di Scientology continuerà ad esistere indipendentemente da ciò che alcuni detrattori possono sperare o augurarsi. Lo so, perché so che il mondo in cui viviamo è un calderone quasi senza fondo di sistemi di credenze che non rimane mai a corto di seguaci disponibili ed entusiasti. Diciamocelo: amiamo credere in qualcosa, anche quando sappiamo che si tratta di fantasia. Da Babbo Natale che scende per il camino ai Chicago Cubs che vincono il campionato, la nostra fede nell'improbabile non conosce limiti.

I Mormoni sono in circolazione da 150 anni e vanno ancora forte, con circa 11 milioni di fedeli. Provate a confutare la loro convinzione di discendere da due tribù del Vecchio Testamento migrate nel continente americano a bordo di un mezzo simile a un sottomarino. Poco importa se credono che Gesù dopo la Resurrezione abbia visitato l'America - evidentemente non ha influito sul loro numero. Che dire poi di quella cosa di Xenu, quell'insolita cosmologia fantascientifica che sta alla base dell'OT III di Scientology? Direi che si difende abbastanza bene se paragonata ai Realiani. Se Xenu non vi convince del tutto potete leggere "Gli alieni spaziali mi hanno portato sul loro pianeta" del loro fondatore Claude Vorillon, il quale crede che la razza umana discenda da - letteralmente - gli omini verdi. Anche se i realiani non sono grandi come Scientology, hanno pur sempre 40.000 seguaci in 50 paesi. Ma chissà? Dategli tempo. In fondo sono in circolazione solo dal 1975. E poi c'è quel sedicente guru, Maharishi Mahesh Yogi, che ha trasformato la moda hippy degli anni '60 in un movimento multimilionario che continua a prosperare, al punto da aver dato origine ad un partito politico internazionale, il Partito della Legge Naturale, che presenta regolarmente candidati alle elezioni di tutto il mondo.

Basti per dire che non mancano persone eccentriche con credenze e pratiche strambe. Dai carismatici ai rastafariani, dai cristalli curativi alle piramidi di energia, c'è un UFO che lascia la stazione ogni dodici minuti, imbarcandosi per destinazioni fuori dagli schemi. Benvenuti sul Pianeta Terra, la vostra accogliente stazione Amtrack. Tutti a bordo, con il biglietto pronto.

Perciò in questo strano mondo in cui viviamo Scientology si trova in buona compagnia. Tuttavia in tutto questo c'è un aspetto che alla chiesa non promette nulla di buono. A questo punto della sua storia essa affronta la prospettiva di aver già trovato la sua piccola, particolare nicchia. Ciò che un tempo si definiva movimento mondiale potrebbe lentamente sprofondare nell'irrilevanza. La Chiesa di Scientology, avendo raggiunto il punto di saturazione, potrebbe adagiarsi su qualche insignificante livello statico. Quale sarà quel livello non è immediatamente evidente, ma possiamo almeno scartare i numeri ridicolmente gonfiati pubblicizzati dalle sue PR. Nonostante sia difficile (ma non impossibile) fare stime accurate, conteggi credibili spaziano tra i 50.000 e i 750.000 aderenti. Ad ogni modo Scientology, come centinaia di altri gruppi stravaganti, avrà sempre la sua fedele base di seguaci. Si può solo cercare di indovinare quanti siano.

Non c'è bisogno di moltissimi seguaci per tenere a galla un movimento spirituale. Spesso sono sufficienti poche centinaia di facoltosi devoti. Nel caso della Chiesa di Scientology, quel numero può essere espresso in qualche migliaio. La International Association of Scientologists è un'attività che si concentra sui membri più generosi e prosperi. Sulle loro ricche spalle poggia l'intera capacità di sopravvivere della chiesa. Gli staff della IAS telefonano, spesso settimanalmente, a questi membri di rango implorandoli di donare altri soldi. Non importa se la settimana precedente hanno donato diverse migliaia di dollari. Non sono mai abbastanza. Non è insolito che, occasionalmente, tali membri ricevano la visita di un aggressivo registrar della IAS, a volte addirittura una squadra di essi, che si autoinvitano a casa loro in un altro disperato tentativo di separarli dai loro soldi.

A volte alcuni staff IAS mi hanno confidato che il numero di scientologist che stanno sopportando il grosso del carico finanziario è soltanto una frazione degli affiliati globali alla IAS. Mi sono state riferite cifre variabili tra i 1.500 e i 3.500 membri in tutto il mondo. Non sono tanti se si considera che ogni persona che si iscrive ad un servizio riceve una tessera gratuita provvisoria della IAS.

Gli scientologist che conosco hanno donato alla IAS qualsiasi cifra compresa tra i 10 e i 40.000 dollari. Questi numeri rappresentano l'estremo più basso della sua élite finanziaria. Ma gli importi possono diventare assolutamente stupefacenti. Non è insolito che gli scientologist più facoltosi sborsino decine di migliaia di dollari che, in alcuni casi, alla fine superano le centinaia di migliaia di dollari. La IAS ha poco interesse per lo scientologist ordinario che fa economia e risparmia per comprarsi un corso; ma finché ci saranno quei pochi disposti a sottoscrivere i diversi exploit di Scientology la chiesa ce la farà.

Un recente articolo giuntomi dall'Australia esemplifica il modo in cui la chiesa si mantiene in affari. James Packer è un miliardario che si dice stia frequentando alcuni servizi di Scientology. Anche se è improbabile che Mr. Packer abbia già versato qualcuno dei suoi milioni nelle casse della sua chiesa, la IAS sta indubbiamente guardando e aspettando il momento giusto per farsi avanti. Mettete insieme un John Travolta, un Tom Cruise e una manciata di altri scientologist facoltosi e avrete una disponibilità che non potrà competere con la spremitura di pochi dollari dalla vostra truppa di scientologist.

Che cosa significa tutto questo per il futuro e il destino di Scientology? In qualsiasi modo la chiesa continui ad evolversi si tratterà probabilmente di un processo poco spettacolare. Scientology non emergerà mai come grande religione mondiale, né crollerà drammaticamente come qualche vecchio impero. Fin quando esisteranno Rosacruciani, Massoni o Guardiani Interplanetari del Nuovo Ordine Mondiale potete star certi che gli scientologist continueranno a camminare tra di noi. Giusto un'altra insolita società segreta che cerca di trovare la propria strada nella vasta tenebra dell'ignoto. E forse è ciò che gli scientologist temono maggiormente. Non l'estinzione, ma una lunga e insignificante esistenza priva di importanza.

Lì fuori c'è un rifornimento illimitato di idee peculiari. E per ogni pensiero, nozione o concetto, indipendentemente da quanto bizzarro possa apparire, troverete qualcuno che ne porta entusiasticamente la torcia. È sufficiente esplorare solo qualcuno delle decine di siti web disponibili attraverso il Charles Manson webring per rendersi conto di quanto pazzo sia il mondo in cui viviamo. Potrete trovare, tra le altre cose, tutte le registrazioni dei suoi album, titoli come "Live at San Quentin" e "The Manson Family Sings the Songs of Charles Manson". Sono disponibili CD e, per voi collezionisti, anche gli LP originali in vinile. E, se volete avere un campione del catalogo di Manson, potete scaricare qualche MP3 prima di fare acquisti.

Non c'è dubbio, è un pazzo, pazzo mondo. Ciò che trovo stupefacente è il livello di ingenuità e il punto in cui la gente metodicamente si spinge per portare avanti anche la causa più ridicola. Hunter S. Thomson ha trovato le parole giuste: "Quando le cose diventano strambe, gli strambi iniziano a giocare".


Murray Luther è lo pseudonimo di uno scientologist da 25 anni, attualmente in buoni rapporti con la chiesa. È il fondatore di Scientology Independent Network, un gruppo di difesa per ex membri della Chiesa di Scientology.

Tutti i punti di vista qui espressi sono di Murray Luther e non necessariamente riflettono i punti di vista di truthaboutscientology.com, di scientology-lies.com, di Allarme Scientology [o del traduttore!]

Tutto il materiale di Murray Luther è coperto da copyright, tutti i diritti sono riservati. Il materiale pubblicato da Murray Luther su Internet può essere riprodotto a soli fini non commerciali.

 
 
 
indietro INDICE avanti
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, impaginazione e codice html - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it