In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
L'addestramento di Scientology: vendere la Vendita Dura

Capitolo 4

 
 
 
 
 
 
Il processo di indottrinamento di Scientology consiste, da una parte, in una direttiva ufficiale che enfatizza il rispetto per la realtà e l'esperienza individuali, e vieta formalmente di suggerire a una persona le sue realizzazioni, ovvero dirle che cosa sperimentare o pensare a proposito del suo caso o di Scientology (chiamato "fare valutazioni"). 
 
Ma al di là delle dichiarazioni ufficiali, esiste una quantità spropositata di dati informali, come per esempio le storie di successo, e una propaganda esplicita, attraverso la quale la persona apprende chi sono i "cattivi" e quali sono i pensieri e i discorsi tollerati. Il nuovo arrivato comincerà presto a divulgare in prima persona queste idee (inclusi i fondamenti logici della dottrina di Scientology e le tecniche di disseminazione), in adempimento della sua partecipazione obbligatoria alla bonomia del gruppo. [13
 
 
 
Imparare come imparare 
 
Scientology sostiene di essere razionale, scientifica e fondata su adeguata sperimentazione. In realtà è fortemente anti-intellettuale. Nonostante la Chiesa difenda pubblicamente la libertà di pensiero, nella pratica usa pressioni e influenza per assoggettare emotivamente i seguaci, il che sistematicamente da origine all'esatto contrario degli ideali sostenuti. 
 
Il corso di Scientology denominato Student Hat ("come studiare") contiene  conferenze su nastro di LRH che espongono materiale facilmente condivisibile. Ad esempio si esorta la persona a trovare le risposte da sola, piuttosto che affidarsi ciecamente all'Autorità; o fare attenzione a ciò che realmente c'è, piuttosto che a ciò che l'autorità, l'insegnamento o la consuetudine dicono che c'è. 
 
Presto la gente che partecipa a questi corsi e quelli che fanno da supervisori vengono esposti alla fasulla e ingannevole biografia di Hubbard pubblicata sui materiali della Chiesa. 
 
Non una volta in 13 anni ho sentito di qualcuno che avesse pubblicamente messo in discussione queste finzioni, né tantomeno ho mai appreso da fonti della Chiesa o dai suoi affiliati la verità sul background e le attività di quest'uomo. Al contrario, la pratica di applaudire ripetutamente in onore di Hubbard era universale e socialmente mandatoria in ogni sala-corso di Scientology abbia mai frequentato. Il giudice Breckenridge, che ha esaminato a lungo la storia, il background e le dichiarazioni di quest'uomo, dopo aver raccolto molte testimonianze (Corte Superiore di Los Angeles, maggio 1984), l'ha infine definito un "bugiardo patologico". 
 
Quando invece i successi di Scientology e le vittorie degli scientologist vengono comunicati ai membri riuniti, l'applauso obbligatorio consente loro di razionalizzare il consenso (Perché sto applaudendo? Ah, sì...
 
Mostrare a un seguace l'ovvia contraddizione esistente tra Scientology ufficiale e Scientology non-ufficiale naturalmente non serve a nulla: le persone che studiano la Tecnologia di Studio di Scientology sono le stesse che non avvertono alcunché di sbagliato nel fatto che l'efficacia di una cosa come l'auditing sia provata da testimonianze anedottiche rese ciclicamente sotto le circostanze più influenzate immaginabili, e con totale assenza di verifica da parte di fonti non poste sotto il controllo della Chiesa. 
 
In una occasione, quando volli comunicare alcune di queste preoccupazioni ad una persona che ritenevo un amico fidato, il solo fatto che stessi pensando a cose di questo genere fu accolto con spavento, e mi sentii rispondere di recarmi al più presto dall'Ufficiale di Etica per ricevere maneggiamento. 
 
Questo è il vero prodotto della Tecnologia di Studio di Scientology. 
 
 
 
Come vengono maneggiate le domande 
 
Un altro baluardo della lotta di Scientology contro la libertà di pensiero, è l'assunto che la conoscenza non sia informazione o comprensione, bensì certezza. Il raggiungimento di un'accresciuta certezza è citato comunemente nelle storie di successo come un risultato ottenuto attraverso l'auditing e l'addestramento. 
 
Questo ideale è così sentito nella cultura di Scientology che ogni richiesta di spiegazioni o incertezza viene interpretata come un'intollerabile pecca nell'etica della persona. In altre parole, certezza diviene sinonimo di fedeltà, e mancare di certezza equivale a fallire come membro del gruppo, e si può essere accusati di tradimento. 
 
Domande su aspetti marginali della dottrina vengono maneggiate di routine attraverso il ristudio dei materiali (detto cramming) e la ripetizione dell'addestramento (a spese della persona). Ma l'incertezza su una materia di base diventa una "Questione di Etica", vale a dire mancanza di fedeltà, e deve pertanto essere maneggiata con l'applicazione delle cosiddette Condizioni di Etica
 
Le Condizioni di Etica di Scientology includono la Condizione di Dubbio, con la quale si suppone che il seguace che vacilla riacquisti certezza. Nel seguire il rimedio prescritto per uscire da questa Condizione, eventuali domande di carattere pratico, logico o intellettuale vengono risolte chiedendo al seguace di "decidere quali sono i tuoi amici e a quale gruppo scegli di appartenere". 
 
La sostanza delle domande viene messa da parte o manipolata in qualunque modo conduca a una attestazione assoluta di fedeltà (questo è un classico esempio di ciò che chiamo distrazione e sviamento, termini che ho descritto altrove come parole chiave per comprendere la mia esperienza in Scientology [14]). 
 
La Formula di Dubbio richiede inoltre all'affiliato di raccogliere informazioni obbiettive sulle alternative indecise. Si tratta sempre di scegliere tra due opportunità che si escludono a vicenda (non viene menzionata la possibilità di rifiutarle entrambe). Bene, non ho mai visto una Formula di Dubbio dove, qualora richiedesse informazioni su Scientology, queste non provenissero dalle dichiarazioni dei suoi PR o da fonti poste sotto il suo controllo, né sarebbe possibile fare altrimenti all'interno del gruppo. 
 
Ogni altra informazione, vale a dire quella che non è controllata dalla Chiesa, viene etichettata con la fuorviante generalità di entheta, termine che per definizione proibisce categoricamente che venga presa in considerazione o divulgata, senza alcun riguardo per la verità e i fatti concreti. - così informazioni che all'esterno sono di dominio pubblico da diversi anni, come ad esempio la vera storia sulla vita di Hubbard, di norma non sono conosciute dagli Scientologist. 
 
L'idea di lavorare su ipotesi e giudizi basati sulle migliori fonti di informazione disponibili (il che implica apertura a nuove informazioni) è abdicata in favore di appelli categorici alla fedeltà del gruppo, e questo conduce alla soppressione di ogni pensiero o dato contrario. 
 
Se l'individuo percepisce che c'è qualcosa di sbagliato in questo modo di fare o si trova in disaccordo su specifiche questioni, viene maneggiato affinché  risolva immediatamente l'incertezza (attraverso il completamento della formula della sua Condizione di Etica) e categoricamente si riunisca al gruppo. 
 
Questo processo rende breve la vita ad ogni pensiero indipendente e impedisce di prendere in considerazione altri dati, e rappresenta uno dei migliori esempi dei meccanismi di controllo totalitari e anti-pluralistici usati da Scientology. 
 
 
 
Aspetterò finché non smetterai di chiedere 
 
Durante l'addestramento potrebbero sorgere delle domande. Ad esempio quando ci si imbatte in dichiarazioni non provate o ci si interroga sulla relazione che alcuni materiali hanno con le direttive ufficiali della Chiesa. 
 
In Scientology, la maniera standard di maneggiare queste richieste è quella di ignorarle esplicitamente. Allo studente viene detto di agire "esattamente come stabiliscono i materiali", e poi osservare se funziona. 
 
Un approccio di questo genere suona a prima vista sensato: guarda se funziona. Ma nell'ambiente della setta, produce un duplice risultato. 
 
In primo luogo, si previene che lo studente integri e allinei ciò che sta studiando con quel che già conosce o potrebbe venire a sapere se facesse una ricerca. I normali processi di valutazione, comparazione e discernimento vengono in questo modo bypassati. 
 
In seconda battuta, la valutazione del materiale viene rinviata a un momento successivo, quando lo studente l'ha appresa esattamente nella maniera stabilita, che indubbiamente può avvenire dopo un periodo di tempo molto lungo, poiché è credenza comune che se il soggetto presenta ancora dei dubbi, allora vuol dire che non ha compreso il materiale. 
 
Questo modo di operare da tempo al processo di socializzazione di distribuire i suoi effetti: per ragioni esterne (non pertinenti) di fedeltà al gruppo, la persona giungerà ad accettare ciò che gli è stato detto, crederà nella sua correttezza e smetterà di fare domande. 
 
Il trucco consiste nel sostituire le richieste di chiarimenti su fatti e dati concreti con l'imperativo di essere fedeli al gruppo, affinché ci si scordi dei dubbi e diventi impensabile esprimerli. 
 
La Tecnologia di Studio è soltanto un esempio del graduale capovolgimento dei valori che avviene nella setta, che è ciò che si verifica quando i principi ufficiali di Scientology vengono compresi correttamente nella reale pratica del gruppo. 
 
Acquisire la capacità di vivere con simili contraddizioni è il marchio dello Scientologo. Questo è possibile sbarazzandosi degli altri valori o non tenendoli in alcun conto, così che le contraddizioni cessino di avere senso. Solo la devozione al gruppo rimane. 
 
 
 
Un altro esempio: "Non sono il tuo auditor" 
 
Nelle prime fasi del gioco, ad esempio facendo il corso HQS (Hubbard Qualified Scientologist, Scientologo Qualificato Hubbard), la persona impara certe regole di condotta raccolte nel cosiddetto Codice dell'Auditor, alle quali si fa anche riferimento come principi per una migliore convivenza civile. Queste norme includono la proibizione formale di invalidare un'altra persona o suggerirle cosa pensare del suo caso o di Scientology (chiamato "valutare"). L'approccio familiare e il contenuto apparentemente umanitario di questi principi li rendono facilmente accettabili da parte dell'iniziato. 
 
Più tardi, per gradi, la persona apprende che queste regole vengono applicate unicamente durante una seduta di auditing, mentre al di là di questo contesto (vale a dire per la maggior parte del tempo) quello di invalidare è un normale strumento di controllo, e il valutare è la spina dorsale della socializzazione all'interno del gruppo. In uno dei miei primi ingenui incontri con un registrar, ero atterrito dal disprezzo che dimostrava per cose che credevo fossero valori fondamentali del gruppo. La sua risposta fu: "Non sono il tuo auditor". 
 
La persona agganciata con il Codice dell'Auditor impara dall'esperienza con i registrar e altri ministri della Chiesa di che cosa in realtà si tratta. E dimostrandosi un buon ascoltatore, lo Scientologo si avvale di un ulteriore trucco per manipolare la comunicazione al fine di ottenere arrendevolezza all'Etica e alla Vendita Dura
 
 
 
Un universo di pensiero separato 
 
Procedendo di questo passo, i meccanismi che si prendono gioco degli Scientologist - inclusi i bambini esposti a questo ambiente - penetrano nelle loro menti attraverso un indottrinamento informale reso possibile dalle pressioni del gruppo. 
 
Altri capisaldi informali della dottrina di Scientology sono: 
 
 
  • Non si può essere in disaccordo su niente di ciò che Hubbard ha detto, e l'autorità delle organizzazioni della Chiesa è assoluta e indiscutibile.

  •  
  • Scientology è benefica ed etica, e questo non può essere messo in dubbio o fatto oggetto di discussione.

  •  
  • Non è possibile intraprendere liberamente un'attività a meno che questa non sia subordinata a Scientology in maniera manifesta. Hubbard usava il bowling come esempio, suggerendo che qualsiasi altra cosa la persona potrebbe fare è tanto priva di importanza quanto giocare a bowling. Una volta mi è capitato di raccontare a un auditor di uno spettacolare viaggio sull'oceano fatto da un amico. Questi lo disapprovò aspramente, definendolo uno sconsiderato e non certo una persona responsabile come è invece uno Scientologo.

  •  
  • Se si è in disaccordo o si hanno delle riserve, questo indica che vi è qualcosa di sbagliato nella persona (mai nella Chiesa), un problema che si risolve correggendo lei, costi quel che costi.

  •  
  • Le vite passate e ogni altra esperienza contattata attraverso i procedimenti esclusivi di Scientology, sono cose normali, accettabili e fattualmente valide.

  •  
  • Avere a che fare nel corso dell'auditing con dati di questo e altro tipo è ritenuto sufficiente per provare la loro esistenza, senza che si ritenga  necessario integrarli con altre fonti di riferimento e nonostante il loro divergere dai normali standard di evidenza e valutazione (per cui si fa l'abitudine a cose di questo genere e si accetta l'intrinseca indipendenza di questo sistema di riferimento).
 
 
Accettare dati separati dalla realtà di tutti i giorni non è accidentale, ma costituisce una parte vitale del processo di disconnessione della persona dal resto della vita. Scientology non viene considerata alla stregua della psicologia o di qualsiasi altra cosa. Il seguace dovrà dar vita a una separata categoria di pensiero, sospendere l'incredulità, mantenere l'addestramento e operare senza dubbi in una parte della mente dove queste cose sono vere. 
 
L'isolamento è indispensabile per creare una nicchia di credibilità, presupposto fondamentale della trappola, uno spazio concettuale all'interno del quale, per esempio, c'è posto per credere che "OT" (operating thetan, thetan operativo) significhi qualcosa di più che uno mero status all'interno del gruppo. 
 
Solitamente noi apprendiamo nuove cose archiviandole in maniera separata, finché non abbiamo raggiunto sufficiente comprensione da poterci permettere di integrarle con il resto della vita e del pensiero (un sistema di riferimento condizionale). 
 
Quel che differenzia questo processo dall'indottrinamento che avviene in Scientology, è la sua chiusura: il particolare sistema di riferimento di una setta agisce come un cancro, rendendo impraticabile ogni integrazione, nel tentativo di annientare (invalidare) ogni sistema di pensiero competitivo o non allineato. 
 
Ad esempio, non esiste in linea di principio alcuna ragione valida per cui le esperienze relative a recenti vite passate contattate attraverso l'auditing non possano essere verificate storicamente, e se veritiere integrate con altri sistemi di pensiero. Ma gli Scientologist non lo fanno: l'integrazione è impedita. 
 
Fare riferimento a standard di prova non-Scientology viene invalidato, accusando gli esterni di non essere in grado di comprendere Scientology, di avere idee fisse o di essere soggetti (stare drammatizzando) a influenze invisibili o intenzioni malvagie. Per essere un vero Scientologo, l'individuo dovrà invece imparare ad accettare la dottrina di Scientology trattandola come un sistema di riferimento indipendente. Questo è un requisito fondamentale per diventare un valido membro del gruppo. 
 
Il nuovo modo di pensare è collegato emotivamente all'ego e alla vanità di una persona. Voi avete realizzato. Voi conoscete la Verità. Voi siete speciali... ma gli altri non possiedono la tech. Non conoscono le vere ragioni (ad esempio le vite passate) di ciò che fanno. Non vorrete mica essere come loro, vero? Questo è lo spazio mentale in cui si muovono gli Scientologist, e dal quale gli altri valori della vita o fonti di significato vengono invalidati. 
 
Questa particolare immagine di sé e degli altri diventa parte integrante delle aspettative di un gruppo di riferimento altamente visibile. Negli affaccendamenti della vita quotidiana non vi è occasione di metterle in discussione. Dare a tutto questo un senso compiuto, inquadrandolo in un contesto più ampio, semplicemente Non Viene Fatto. Potrebbe significare troppi problemi. Non è la cosa facile e socievole da fare. Potreste ritrovarvi a fronteggiare ciò che la gente pensa dell'anticonformismo. Potreste rischiare di perdere tutte queste illusioni su che valida, speciale e importante persona siete. 
 
Interrogativi senza risposta e insoddisfazione sono più facilmente messi fuori uso quando è disponibile un'ampia mole di attività che favoriscono la conformità (occupato, in fretta, emergenza, importante!) e quando ogni deviazione è punita con un sacco di problemi. In Scientology, ogni anticonformismo diventa per l'affiliato un grosso problema. 
 
Pensare o giudicare in maniera critica e indipendente ciò che la persona sta facendo, è vanificato da un incessante e frenetico affaccendamento. La propaganda di Scientology sostiene che i suoi seguaci sono razionali, addirittura scientifici, ma l'atmosfera dominante è quella di ricorrenti crisi ed emergenze che ostacolano e prevengono il pensiero razionale. 
 
I seguaci guadagnano punti a seconda di quanto rapidamente riescono a completare un corso. I cicli di vendita inducono sempre a Comprare Adesso a causa di una qualche emergenza dichiarata o altri motivi urgenti (cose come: la Chiesa è sotto attacco, ci troviamo in una corsa disperata per salvare il pianeta ecc.). Prendere le distanze e pensarci bene prima di firmare un assegno vuol dire interferire con il progetto di Chiarire il Pianeta, e se lasciate che questo si verifichi, allora siete fuori etica
 
 
 
Scatta la trappola: un gioco di numeri 
 
Il contatto iniziale (il primo passo nel gradiente) potrebbe essere avvenuto con la motivazione di apprendere nuove soluzioni alla vita o ricevere aiuto, oppure con l'intenzione di verificare se Scientology funziona veramente o se ha funzionato con qualcuno. 
 
Vi è stato detto: prova e poi decidi da solo. Se vi siete dimostrati riluttanti, potrebbero avervi accusato di essere mentalmente chiusi, timidi, oppure di non aver desiderio di cambiare e migliorare voi stessi. Bottoni di PR (pubbliche relazioni) quali libertà, abilità, educazione, riabilitazione dalla droga ecc. possono essere stati usati per attrarre la vostra attenzione e suscitare interesse. 
 
Il vero scopo era in realtà quello di portarvi fisicamente all'interno dell'ambiente sociale descritto fin qui (processo che viene chiamato "portare corpi nel negozio"), al fine di esporvi a quelle influenze che tenteranno di coinvolgervi in un universo di pensiero separato, bypassando le vostre decisioni, i vostri standard di prova e valutazione, e annullando l'intenzione originaria con la quale siete stati attirati la prima volta. 
 
In seguito molte persone se ne vanno, sia perché hanno sentito odore di pericolo, sia a causa degli alti prezzi dei servizi. È stata venduta una quantità di libri di Dianetics e son stati compilati test sulla personalità gratuiti in numero assai maggiore di quanto poi non vi siano Scientologist. 
 
È un gioco di numeri. Se abbastanza gente viene esposta a Scientology, per forza di cose si troveranno persone con bisogni emotivi e situazioni nella vita corrente che li rendono vulnerabili al reclutamento della setta. Qualcuno insomma abboccherà all'amo e diventerà prigioniero del gruppo. 
 
 
 
La trappola continua: erosione graduale 
 
Un passo dopo l'altro, il nuovo affiliato sospenderà gradualmente l'incredulità e comincerà ad elaborare speciali criteri di giudizio da utilizzare quando ha a che fare con i dati di questo gruppo - così come una persona potrebbe essere indotta a fare trovandosi di fronte un venditore di enciclopedie troppo intraprendente. 
 
A metà strada, una volta sottoposti a vendita pressante, diventa sempre più difficile confrontarsi con l'avvenuta destituzione dei propri standard di giudizio, che costituirebbe un brutto colpo per la propria autostima. "Ma io pensavo che i tuoi bambini ti stessero a cuore...": così acquistate un set di enciclopedie e vi liberate dell'imbarazzante situazione nella quale vi hanno costretto. Il venditore se ne va con un assegno mentre voi cercate di riprendervi il più in fretta possibile dal piccolo colpo subito dalla vostra dignità. 
 
In Scientology, naturalmente, il venditore non se ne va (detto in senso figurato). Ciò che viene venduto non è un libro, un corso o qualche ora di auditing, ma un intero sistema di idee e punti di vista che conducono a una sola destinazione: dedizione totale al gruppo. Questo processo non ha termine con la concessione di una volta. Acconsentire a firmare un assegno per sbarazzarvi del venditore è soltanto il preludio al prossimo round di richieste. 
 
Ogni offerta di Scientology, sia essa un corso di comunicazione, educazione per i bambini, un seminario di management, un programma di riabilitazione dalla droga o altre attività apparentemente lodevoli, contengono questo dato nascosto. E anche se vi comportate in maniera affabile e vi dimostrate disponibili a collaborare, non riceverete un trattamento differente, perché sarete sempre visti dagli Scientologist come persone che non conoscono l'esclusiva Verità disponibile soltanto agli interni, che consiste in una dottrina che non può essere messa in dubbio o discussa. 
 
Ogni problema o disaccordo che la persona può avere nei confronti delle attività della Chiesa, viene interpretata dagli Scientologist come un comportamento dovuto all'influenza di cause dannose e invisibili che hanno a che fare con il passato della persona, e niente affatto le sue reali parole e desideri. 
 
Non appena l'individuo accetta questa spiegazione, la realtà esterna diviene indistinta e fasulla, vista com'è attraverso un unico punto di vista. La responsabilità del singolo nei confronti del gruppo diviene invece sempre più manifesta. 
 
Potreste aver voluto fare i livelli introduttivi di Scientology nella speranza di ricevere aiuto e risolvere alcune situazioni e condizioni della vostra vita. Dopo un po' comincerete ad andare avanti sperando che le vostre domande e problemi e quelli della vostra famiglia, per i quali non avete tuttora una risposta, vengano risolti su qualche livello più elevato non ancora raggiunto. 
 
Risolvendo problemi che non avete mai pensato di avere (ma che sono stati scoperti attraverso l'auditing), date vita per gradi a una sempre più consistente e accurata identità-di-gruppo. Questa diviene il metro di giudizio per valutare i "progressi" e fornisce la spinta per andare avanti. 
 
Facendo passi sempre più grandi, l'individuo pian piano diventa un interno che accetta e giustifica questa situazione. Comprendete a questo punto che il vero scopo di Scientology è di "aiutare" l'umanità, non il singolo individuo. 
 
Siete dei veri interni quando fate il passo successivo, ovvero realizzate che il vostro dovere è prima di tutto nei confronti del gruppo, e che la vostra condizione personale o il fallimento di singoli individui non ha importanza. 
 
In questo modo le motivazioni originarie che vi hanno attratto nella setta vengono sviate e messe da parte. Scientology funziona... e questo dove ci porta? Nella mia esperienza personale, mentre venivo sopraffatto da uno un attacco che percepivo ma che non ero in grado di individuare chiaramente e comprendere, sono diventato distaccato, ostile e incompetente nell'affrontare le reali sfide della vita. 
 
In confronto, da quando ho lasciato la setta, posso almeno occuparmi delle situazioni reali che mi circondano, con maggiore o minore abilità. Più evidente è il cambiamento avvenuto nella disinvoltura con la quale adesso affronto le persone. In modo particolare i miei bambini e i colleghi di lavoro (con mia grandissima gioia). 
 
Nella setta dovevo invece fare sempre i conti a priori con false spiegazioni e con gradi di importanza (dovuti allo status di interno) che mi distoglievano dalla situazione reale che mi trovavo davanti. Affrontare realmente le situazioni significava incorrere in una quantità di eresia potenzialmente illimitata, ricevere ordine di dimenticare altre pratiche o per lo meno essere ritenuti responsabili di una scorretta applicazione della tech.  
 
In Scientology può diventare molto difficile interessarsi criticamente ad altre fonti di apprendimento, sviluppo e cambiamento, e nella gran parte dei casi semplicemente non viene fatto. L'unica via di uscita è quella di re-indirizzare il particolare tipo di attenzione di cui ho parlato prima. 
 
Gli aspetti della vita che non trovano posto nella psicologia da quattro soldi di Scientology vengono chiamati complessità. Interessarsi alle complessità è detto indice che in voi c'è qualcosa di sbagliato, che siete incapaci di comprendere o avete qualcosa da nascondere. 
 
Questo scoraggiare in continuazione il pensiero, al quale si aggiunge l'onnipresente atmosfera di fretta e furia, non lascia alcun posto dove andare se non sempre più in profondità dentro la setta, come soluzione a tutti i problemi della vita. 
 
Gli anni che ho trascorso in Scientology hanno rappresentato il periodo più lungo con la quantità minima di ciò che chiamo una reale crescita interiore. Mi hanno lasciato con un conto in sospeso nei confronti della mia vera vita, dal quale prendere il via per andare avanti. 
 
 
 
Dopo l'erosione graduale la Vendita Dura 
 
Non fa meraviglia che occorra un'ulteriore pressione per sopportare livelli crescenti di delusione, ignorare la vacuità dei risultati rivendicati e l'ordinarietà dei superesseri OT
 
Lo status all'interno del gruppo diviene sempre più l'unico ed esclusivo fondamento dell'immagine che si ha di sé. Appena l'individuo è diventato un interno, la sua accondiscendenza viene data per scontata. Il rispetto sbandierato per l'integrità personale e l'individualità della persona viene sostituito da un sistema di ordini palesemente perentori e tecniche di Vendita Dura: partecipazione, auditing, impegno, immagine di sé, idee, etica, e qualsiasi altra cosa i rappresentanti della Chiesa vogliono che voi crediate o facciate. La Verità viene venduta usando tecniche di Vendita Dura, il che significa essere disposti a fare qualsiasi cosa richieda l'occasione per invalidare le obiezioni del bersaglio e ottenere compiacenza. 
 
Le tecniche di Vendita Dura che ho osservato (e alle quali sono stato esposto) comprendono cose come: rapido e disorientante turbinio di accordi asseriti o supposti, false emergenze, giocare sulla fedeltà, esaurimento fisico, argomentazioni capziose, accuse di tradimento, sensi di colpa, costrizioni, intimidazioni fisiche o verbali, umiliazioni, attacchi, minacce, insulti, negazione dell'affetto, pressioni di gruppo, false accuse, promesse, domande, ordini, invalidare, ridicolizzare, giocare su bisogni profondamente sentiti, pretesti, riconoscimenti errati e rappresentazioni manipolate, mettervi le parole in bocca, dirvi che cosa pensate, verità asserite, incoraggiamento, elogi, adulazione, giocare sullo status, "Credi a me" - qualsiasi cosa pur di distruggere la vostra posizione, chiudere la contrattazione, far salire le statistiche e ottenere l'assegno. In una occasione (esperienza personale) questo processo è andato avanti giorno e notte per tre giornate di seguito. Queste parole non riescono neppure a iniziare a descrivere di che cosa si tratta. 
 
Quella della Vendita Dura è una policy scritta ufficiale della Chiesa. Si giustifica con la seguente definizione preventiva: occuparsi abbastanza della persona affinché Compri Ora e faccia il servizio che la riabiliterà. 
 
Queste tecniche vengono insegnate in primo luogo attraverso la simulazione pratica, ma anche nelle classi e nei seminari. L'effetto risultante è quello di subordinare ogni valore a Scientology. È permesso distruggere qualsiasi cosa di una persona produca un risultato utile alla Chiesa. Un registrar una volta chiese a mia moglie: "Che cos'hai da perdere?", mentre discutevano se avrei divorziato da lei se avesse preso a prestito del denaro per acquistare servizi di Scientology rischiando di compromettere i nostri nascenti affari. Il registrar giustificò con me le sue azioni in questo modo: "Stavo semplicemente facendo il mio lavoro". 
 
Dapprincipio avevo cercato di razionalizzare cose di questo genere pensando si trattasse di casi isolati, ma dopo aver visitato nel 1986 la base di Scientology in Florida non potevo più nascondere a me stesso che queste azioni sono tipiche, caratteristiche e approvate dalla Chiesa. 
 
Ho visto di persona e avuto esperienza di molti casi, e sono stati fatti tentativi su di me per reclutarmi in queste operazioni. Ho appurato che una delle principali attività presso il ritiro religioso in Florida è di insegnare alle persone queste tecniche e maneggiare i loro scrupoli. 
 
 
 
INDIETRO   INDICE   AVANTI
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it