In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Il blitz del 1986

Esperienza personale e considerazioni di un lettore di Allarme.

Leggendo i resoconti dei guai giudiziari in cui è incorsa la Chiesa di Scientology in Francia, Belgio, Russia, Svizzera e Germania, mi è venuta l'idea di raccontare quello che è successo in Italia nel 1986 durante e dopo il blitz con cui furono chiuse tutte le organizzazioni, soffermandomi sul modo in cui Scientology reagisce a questo tipo di situazioni.

Con un'operazione a sorpresa erano state chiuse contemporaneamente tutte le Org (dette anche Chiese) vale a dire le organizzazioni che consegnano i servizi al pubblico, i centri Narconon (centri di recupero dei tossicodipendenti) e il CLO (Ufficio di Collegamento Continentale), vale a dire la sede della Sea Org (il gruppo scelto che dirige Scientology) in Italia. Il CLO è quell'organismo che gestisce tutte le attività locali dall'alto e tiene i collegamenti col Management Internazionale.

Nello svolgimento del blitz gli staff e il pubblico erano stati allontanati e le varie sedi chiuse con dentro tutti i materiali amministrativi e tecnici. A questo si aggiunse la pessima reputazione che venne sparsa su Scientology il giorno dopo tramite i giornali e le televisioni con la litanìa: "Una setta criminale è stata smantellata dalla magistratura" ripetuta all'infinito. Nessuno può negare che si sia trattato di un colpo durissimo che avrebbe danneggiato gravemente o distrutto qualsiasi altro gruppo.

Quando la situazione era già stata normalizzata, un membro della Sea Org noto per la sua spavalderia mi disse che un blitz così massiccio aveva provocato solo un'ora di ritardo nella normale attività della Chiesa. Questa si può definire una sbruffonata, comunque ricordo che la reazione fu pronta ed efficace.

Due giorni dopo il fattaccio mi recai in treno nella città dell'Org presso la quale studiavo. Nello scompartimento c'erano due passeggeri che leggevano il giornale. Intravidi un titolo terribilmente entheta (entheta = brutte notizie) e cercai di mostrarmi indifferente. L'atmosfera era pesantissima: ci consideravano dei criminali [1].

Avevo contattato alcuni amici e dovevo incontrarli assieme ad altri aderenti. Tramite passaparola sapevo che l'ordine del management era quello di mantenere la calma poiché tutto si sarebbe sistemato. Nessuno di noi dubitava di questo visto che eravamo indottrinati e nutrivamo una fiducia incrollabile nella vittoria finale. Sapevamo anche che quando si viene attaccati, la cosa più importante è quella di espandersi. Fiorisci e prospera è l'ordine di LRH (Ron Hubbard). Quindi ognuno doveva darsi da fare per ripristinare la produzione.

La certezza nella vittoria nasce da vari fattori. Chi aderisce a quest'ideologia è convinto di avere in mano una tecnologia infallibile che, applicata correttamente, porterà a rendere la Terra Clear (e, in seguito, al chiarimento dell'intero universo). Inoltre, c'è una sorta di fede relativa ai poteri dello spirito (Thetan). I Thetans, secondo LRH, hanno poteri enormi e sopravvivenza infinita. I poteri non sono solo individuali ma si manifestano su varie spinte o dinamiche (se stessi, sesso, gruppi, umanità, piante e animali, universo fisico, spiriti e Dio) Visto che Scientology sta liberando i poteri dei thetan è aiutata, nel tentativo di raggiungere i propri scopi, da un'energia spirituale che riflette i suoi benefici sull'intera umanità (e protegge l'espansione del gruppo migliore: la Chiesa di Scientology). Se uno scientologo è ben indottrinato, di solito, sviluppa questa credenza mistica. Lo so che è stupido, ma io e la maggioranza degli altri aficionados, agli inizi degli anni '90 eravamo convinti che ci fosse una relazione tra la consegna del livello OT 8 e la caduta del Muro di Berlino.

Un terzo motivo è più terra-terra ma è il più importante: è spiegato da LRH in uno scritto che si chiama "Presenza Etica". La presenza etica è una sorta di rispetto misto a timore che hai verso qualcuno. Visto che Scientology (identificata principalmente nel suo vertice, la Sea Org) ha superato una serie infinita di guai senza essere distrutta, dispone di presenza etica, un po' come certi eroi alla Rambo: quando segui le loro gesta sei sicuro che alla fine, nonostante tutto, usciranno fuori dalle situazioni più disperate e riusciranno a vincere.

La prima cosa che facemmo fu di trasferire ogni attività dell'Org presso case private di scientologist. Uno si offrì di ospitare l'accademia, un altro le stanze di auditing, un altro gli uffici, e così via. Molti materiali erano stati sequestrati ma altri erano disponibili. Per esempio, gli e-meter dell'Org non c'erano più, ma gli auditor poterono usare quelli degli studenti visto che ognuno di loro li teneva a casa propria. (In seguito molti fecero ricorso per riavere le loro cartelle di auditing (folder) e di etica, sostenendo che contenevano i loro dati personali. Questo avvenne con la consulenza della Chiesa. buffo pensare che i fuoriusciti siano ostacolati nel compiere la stessa azione quando la fanno per riavere indietro i propri folder pieni di materiale imbarazzante o compromettente!) Inoltre, dal blitz era stata esclusa New Era che è la casa editrice ufficiale di Scientology ed è una srl. Insomma, il nemico aveva chiuso la vendita al dettaglio ma lasciato aperto l'ingrosso. Così, pian piano, fummo in grado di rifornirci di tutto il materiale che ci serviva.

Le attività andavano avanti compresa la ricerca di nuove reclute. Nonostante la pessima reputazione di cui il gruppo godeva, venivano fatte delle conferenze introduttive che portavano all'iscrizione di pubblico nuovo sui corsi di base. Certo, i guai giudiziari avevano reso tutto più difficile e le statistiche non erano paragonabili a quelle precedenti il blitz. Comunque, il solo fatto che si riuscisse a interessare nuovi clienti, rappresentava una dimostrazione della funzionalità della tecnologia. Perlomeno, questo è ciò in cui credevamo.

Scientology ha a disposizione molti metodi per combattere la cattiva propaganda. Questi sono classificati in una serie di Policy (scritti di LRH) chiamata PR Series. Le tecniche si adattano ai gruppi organizzati ma anche al singolo individuo. Esempio: Se cerco di attirare qualcuno verso Scientology e lui mi tira fuori notizie negative, posso applicare una tecnica chiamata Agente Morto che si basa sullo screditare le sue fonti d'informazione. Una volta che ho fatto questo posso sostituire i dati negativi con propaganda positiva emessa dalla Chiesa di S. Agente Morto, su vasta scala, è stato usata anche contro il governo della Germania accusandolo di connivenza col passato nazista (vedi l'opuscolo Odio e Propaganda).

Ricordo che il morale era alto e che ognuno si dava da fare in base alle proprie possibilità. Quando il supervisore dei corsi comunicava le statistiche per telefono al Direttore Esecutivo, lo faceva usando un codice: invece di Punti Studenti diceva Melanzane, invece di Corsi Completati diceva Zucchine (esempio inventato). Questo perché correva voce che i nostri telefoni fossero controllati. La cosa ci faceva ridere. Era come giocare agli agenti segreti.

Il modo con cui le Teste di Cozza [2] italiane hanno reagito a una situazione così grave mantenendo sangue freddo, disciplina, spirito di adattamento ed entusiasmo smentisce quello che sento dire spesso sulle pagine critiche nelle quali si descrive un ambiente cupo, in cui la gente non sorride mai, se ne va in giro in uno stato ipnotico, mezza imbambolata e instupidita mentre è ossessionata da pensieri suicidi e da allucinazioni. A dire il vero, a volte è anche così ma non sempre. Non credo sia l'atmosfera dominante. Quello che voglio dire è che il rimbambimento non spiega tutto.

Eravamo informati in continuazione su quello che stava succedendo tramite materiale scritto oppure tramite conferenze (briefing). Ovviamente si trattava sempre di propaganda favorevole a Scientology. Ci fu detto che erano arrivate in Italia le missioni della IAS per risolvere il problema.

La IAS è l'Associazione Internazionale degli Scientologist ed è l'entità di maggior prestigio all'interno del movimento. Si tratta di un'associazione che ha lo scopo di proteggere l'espansione di Scientology a livello planetario. Mi è stato spiegato più volte (da suoi rappresentanti) che la IAS, proprio per la sua caratteristica di organizzazione internazionale, ha uno status particolare che la rende immune dalle azioni di qualsiasi tribunale in qualsiasi paese al mondo. Così le Org furono riaperte sotto il patrocinio della IAS mentre la vecchia corporazione fu abbandonata. La Chiesa di Scientology Italiana sulla quale gli inquirenti credevano di aver messo i sigilli, era diventata un guscio vuoto privo di valore.

Questo è quello che è successo così come mi è stato raccontato da rappresentanti di Scientology. Visto che le loro attività sono spesso nascoste non so se corrisponda a verità o se le Org furono riaperte grazie a qualche gabola, comunque è certo che furono riaperte nel giro di poco. Non so neanche se la struttura legale della IAS la renda immune da qualsiasi attacco legale, però questo è ciò che viene raccontato ai fedeli.

Comunque è evidente una cosa: quando Scientology viene attaccata a livello locale, è sempre l'intero movimento a reagire. Il concetto con cui è stata creata la IAS va in questa direzione.

Una cosa che mi impressionò molto, ai tempi, anche se non riesco a darle una esatta collocazione temporale, fu la questione dell'Onorevole Luciano Violante, allora membro autorevole del Partito Comunista, ex magistrato, ed esperto in questioni di giustizia: egli aveva preso pubblicamente posizione contro Scientology. La Chiesa di S. tirò fuori un documento in cui Ennio Malatesta (la persona che, con le sue denunce, aveva dato via al blitz) chiedeva all'Onorevole Violante un finanziamento di circa 200.000 milioni per sostenere la guerra contro Scientology. Il documento metteva in cattiva luce Violante poiché Malatesta era un personaggio che aveva contatti coi deprogrammatori. Inoltre suggeriva l'idea sgradevole di un complotto antireligioso finanziato dalla politica. L'azione mi impressionò e mi chiesi come diavolo avessero fatto a mettere le mani su un simile documento.

Ovviamente la propaganda interna insisteva sul vecchio tasto: "C'è un attacco soppressivo da parte di un gruppo di criminali, noi stiamo indagando su di loro e presto li metteremo al tappeto." La soluzione finale, più volte promessa, non è mai arrivata.

Dopo i guai giudiziari è stata istituita la linea del DSA (Direttore degli Affari Speciali). Ogni Org ha un DSA che aiuta OSA a livello locale. Lo scopo è ottenere la piena accettazione di Scientology.

Nonostante gli sforzi, le attività in Italia subirono un declino. Fino al 1986 c'era stata un'espansione che non si è più ripetuta. Credo che, comunque, per chi dirige Scientology non sia un disastro. Mettiamo che ci siano solo 3.000 adepti attivi in Italia: si tratta sempre di un numero di persone in grado di fare molto. Il singolo scientologo produce (povero lui) una massa notevole di donazioni e di lavoro.

Nelle pagine critiche si racconta di come in Germania Scientology sia alle corde e di come in Russia, dopo una penetrazione notevole, ci sia stato un arretramento. Per la mia esperienza, questo è valido per qualsiasi attività di questo gruppo: rapida espansione seguita da un calo e da un periodo di stasi. vero anche per l'auditing che, di solito, porta a grande euforia seguita da periodi di regressione o di peggioramento. Il vero segreto sta nella legge dei grandi numeri: in Germania le cose vanno a puttane ma, parallelamente, partono o sono in corso altri cento progetti di espansione.

Si potrebbe affermare, in modo un po' paradossale, che il governo tedesco non c'entri nulla e che la CoS abbia fatto tutto da sola.

Non voglio fare il sociologo improvvisato ma, in coda, intendo esporre le mie idee (e i miei dubbi a riguardo). Secondo me, se osserviamo il declino di Scientology in Germania non osserviamo il suo declino generalizzato ma, al contrario, la normale routine della propria attività.

banale: un gruppo, per avere successo ed essere compatto, deve avere dei nemici esterni. Scientology è stata costruita come una macchina da guerra quindi ha una fame spaventosa non solo di denaro, ma anche di nemici. Quindi il governo tedesco è andato ad occupare un ruolo predefinito: colpisce solo la chiesa tedesca ma diventa utile alla chiesa internazionale. La Chiesa di S. ha bisogno di governi tedeschi e di Paulette Cooper per poter funzionare. Non bisogna dimenticare che il gruppo ha ricavato un sacco di finanziamenti dalla crisi tedesca semplicemente dicendo a ogni seguace: "C'è un orribile attacco soppressivo in corso. Servono soldi per controbatterlo." Così c'è chi ha dato 50.000 lire, chi un milione, chi 30 milioni. Tutti hanno dato qualcosa (io, ai tempi, diedi 100.000 lire).

Non voglio essere equivocato. Non voglio dire che l'opposizione sia inutile. L'opposizione alla Chiesa di S. è importantissima ma è anche inevitabile. L'orrida pratica della vendita dura, per esempio, porta un sacco di denunce e guai giudiziari. Parallelamente porta una quantità enorme di denaro, che serve anche a controbattere gli attacchi giudiziari. Per Scientology non può esistere prosperità senza vendita dura e non può esistere vendita dura senza guai legali. Nelle pagine critiche si afferma che il gruppo dirigente (Miscavige & Soci) conosce la verità e inganna gli scientologst in buona fede. Ciò significherebbe che Miscavige & Soci sanno benissimo che il chiarimento del pianeta è impossibile e che, di conseguenza, anche la Germania non diventerà mai Clear. Allora perché cantare vittoria sbandierando il declino di Scientology in Germania? Secondo me, la domanda che dobbiamo fare è la seguente: "Il gruppo dirigente che guida la Chiesa col pugno di ferro ha perso potere, influenza e capacità economiche?"

La risposta secondo me è no. Quindi dove sarebbe la vittoria?

Qualcuno si illude che nel giro di due o tre anni la Chiesa di Scientology non esisterà più?

Forse la guerra contro Scientology è una sporca guerra che si combatterà all'infinito accompagnata dagli squilli di tromba di un (continuamente annunciato) prossimo crollo del nemico?

Quali sono gli scenari futuri probabili? Una riforma della Chiesa? La sua scomparsa? Andremo avanti all'infinito a giocare a questo gioco perché questo è il bello della democrazia?

Basta saperlo, così uno si adegua.

 

Note di Martini

1. Per alcuni articoli dell'epoca si veda 1986: Inizio dell'inchiesta italiana.

2. L'autore fa riferimento al modo scherzoso e irriverente con cui a volte alcuni critici si riferiscono ai seguaci della Chiesa di Scientology: Clamheads. Si veda alla sezione "Satira": "Vongole"?.

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it